5 rimedi casalinghi per le malattie fungine in giardino

Le macchie fogliari e l’oidio stanno devastando le vostre piante?

Per combattere queste malattie fungine avete a disposizione un intero arsenale in cucina.

Ecco cinque ricette veloci da utilizzare in giardino.

Malattie fungine in giardino
Macchie nere, oidio e marciume sono malattie fungine comuni con cui ogni giardiniere deve confrontarsi di tanto in tanto.

Naturalmente è possibile scegliere piante resistenti alle malattie fungine, pulire le foglie cadute e spargere pacciame fresco ogni primavera. Ma a volte tutto questo non basta.

Jerzy Opioła wikipedia.org

Una rapida ricerca negli armadietti della vostra cucina vi aiuterà a trovare ciò che vi serve per combattere queste malattie ostinate senza l’uso di prodotti chimici.

Tutte le ricette qui riportate sono atossiche e non danneggiano bambini, animali domestici, animali selvatici o insetti.

Inoltre, sono poco costose e realizzate con ingredienti comuni, quindi potreste anche non dover andare in negozio. Scorrete la pagina per saperne di più sulla preparazione di ogni ricetta.

1 Prevenire il marciume con l’aiuto della camomilla
Quando si piantano delle piantine, non si può fare a meno di vederle morire per marciume, ovvero quando le cime delle piantine cadono perché il fusto è marcito. La camomilla contiene zolfo, che combatte questo fungo.

freepik

Ricetta:

– 1 bustina di camomilla
– 1 litro d’acqua

Come si usa.

Immergere la bustina di camomilla in acqua fresca per 15-20 minuti. Spruzzate la soluzione su piantine e giovani piante o usatela per innaffiare.

2 Tenere a bada la macchia nera con la farina di mais
Si dice che questo rimedio casalingo favorisca la crescita di un fungo buono che compete con i funghi che causano malattie come la macchia nera. La farina di mais, inoltre, fornisce alle piante un po’ di nutrimento in più!

rivista di giardinaggio.com

Ricetta:

– ½ tazza di farina di mais per pianta
– Pacciame di corteccia

Come si usa.

Cospargete ½ tazza di farina di mais intorno a ogni pianta, quindi coprite con uno strato di pacciame di corteccia.

3 Controllo delle macchie fogliari fungine con la cannella
I coltivatori di orchidee usano la cannella per controllare le macchie fungine delle foglie. È utile anche per arrestare il marciume delle piantine.

freepik

Ricetta:

– cannella macinata

Come si usa.

Immergete la punta del dito nella cannella macinata e strofinatela delicatamente sulla zona colpita dalla macchia fogliare. Non usatene troppa, però, perché potrebbe bruciare le foglie.

Per prevenire il marciume, potete cospargere delicatamente la cannella sulla superficie del terreno quando seminate.

4 Prevenire l’oidio con l’erba del latte
È difficile credere che qualcosa di così benigno come il latte possa combattere i funghi, ma è così. La teoria è che rivesta le foglie in modo che le spore non possano depositarsi sulla superficie fogliare, sebbene anche le proteine e l’acido lattico giochino un ruolo importante.

freepik

Ricetta:

– 3 tazze di acqua
– 1⁄3 tazza di latte, intero o scremato

Come si usa.

Agitate bene questa miscela e spruzzatela sulle piante finché le foglie non gocciolano. Al termine, scartate i residui. Questo spray può contribuire a ridurre l’oidio se si trattano le piante prima della comparsa dei sintomi.

Provatelo su phlox da giardino (Phox paniculata), piretro (Monarda didyma), cetrioli e viti. A differenza di alcuni fungicidi, è sicuro da usare sulle piante.

Jerzy Opioła wikipedia.org

5 Il bicarbonato di sodio e il sapone possono controllare le macchie
Se amate le rose (Rosa hybrida), siete preoccupati per la comparsa di macchie, che spesso accompagnano le rose. Ecco qualcosa che vi aiuterà a prevenirla.

Ricetta:

– 1 litro d’acqua
– 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
– ½ cucchiaino di sapone liquido (usare un sapone delicato)

Come si usa.

Unire gli ingredienti elencati in un flacone spray, agitare accuratamente e applicare sulla parte superiore e inferiore delle foglie. Applicare nelle giornate nuvolose o la sera, poiché questa miscela può bruciare le foglie in una giornata calda e soleggiata.

freepik

Funziona meglio se si spruzza la pianta prima della comparsa dei sintomi, anche se se le foglie presentano già alcune macchie, impedirà la diffusione della peronospora.

Torna in alto