Ha fatto crescere una Stella di Natale da una foglia, aiutato da una normale barbabietola?

La Stella di Betlemme è una pianta di grande effetto che si distingue tra le piante da vaso domestiche.

Non è necessario acquistare una pianta adulta, perché le stelle di Natale possono essere propagate in casa.

Non è complicato. Basta tagliare un ramo di circa 10 cm dove stanno nascendo le nuove foglie (4-5 foglie) e metterlo in una miscela di sabbia e torba. Mantenetelo umido e dategli accesso alla luce, ma non a quella diretta.

Recentemente, sul canale Plant Breeding tips di YouTube è apparso un nuovo suggerimento per propagare le stelle di Natale facendo radicare le foglie con una radice di barbabietola.

Nel video, l’utente ha mostrato queste istruzioni:

Utilizzando uno strumento sterile, ha tagliato gli steli appena sotto la foglia.

 

Ha poi tagliato un sottile strato della vena centrale all’interno della foglia.

 

Ha spalmato i punti di taglio con uno spicchio d’aglio per evitare che batteri e funghi patogeni penetrino nella foglia.

 

Ha tagliato la barbabietola in diverse fette di circa 0,7 cm di spessore.

 

Ha adagiato la barbabietola su sabbia grossolana o su una miscela di metà sabbia e metà torba, sopra la quale ha posto le foglie preparate con una tacca verso il basso.

 

Ha coperto leggermente le foglie con la terra e ha inumidito il terreno.

 

È necessario mantenerlo costantemente umido per consentire la formazione di un forte apparato radicale. Poi sposta le foglie sul terreno e le innaffia per mantenerle umide, in modo che le foglie possano continuare a svilupparsi.

Purtroppo, l’utente non specifica quanto tempo ci vuole perché si formino le radici. Una volta rimosse, le foglie sono effettivamente radicate, ma non c’è traccia della barbabietola, il che sembra un po’ strano.

 

Inoltre, non mostra un ulteriore sviluppo delle foglie. Ammettiamo che è la prima volta che ci imbattiamo in un metodo del genere e non possiamo verificare se abbia possibilità di successo.

Guardate il video e fateci sapere cosa ne pensate.

Torna in alto